Branding

Come comunicare con foto e video nel post Covid: proposte e soluzioni per ogni settore di mercato

Dopo tanta attesa si avvia finalmente il 18 maggio un’estensione importante della FASE 2 che ci permette, seppur con varie restrizioni e ancora tanti limiti precauzionali, di spostarci sul territorio, andare a lavoro, fare shopping o una passeggiata al mare.

Siamo un popolo cambiato? Difficile dirlo ora.
Di sicuro sappiamo che è stato stravolto il mercato a cui il mondo faceva riferimento, le abitudini di acquisto e la normale relazione tra cliente e venditore a cui eravamo abituati.

Da fotografo professionista che si occupa di comunicazione di impresa, ho provato a fare una lista di possibili interventi per alcune macro categorie di mercato e precisamente per:

Ovviamente non è una lista esauriente e all’interno di ogni categoria va analizzato il singolo caso e le specifiche esigenze, ma credo che sia un buon punto di partenza. Se saremo bravi, in un Paese ricco e geniale come l’Italia che è sempre riuscita a cavarsela, potremo davvero raccontare un giorno che da un momento di difficoltà abbiamo trasformato ogni ostacolo in una grande opportunità di rinascita.

Vendita al dettaglio

Tutto il mondo, dal piccolo al grandissimo brand, si sta spostando rapidissimanente nella vendita online. In Italia faticavamo a capire l’importanza e l’efficacia della vendita a distanza, ma ora sappiamo che anche il più piccolo esercizio commerciale può trarne enormi vantaggi. Immaginiamo solo l’importanza di poter ridurre al minimo le attese fuori dai negozi (col caldo in arrivo) e quindi ottimizzare le vendite. Dal mobile per il giardino alla bottiglia di vino, tutto può essere prenotato o direttamente acquistato online.

Ma avere un e-commerce non significa soltanto aprire una nuova pagina sul proprio sito o creare un profilo su una grande piattaforma di vendita, ma saper parlare al cliente: occorrono delle informazioni chiare, una corretta presentazione e ovviamente delle foto all’altezza, professionali, di alta qualità, coerenti con l’identità visiva del brand.

Cosa si può realizzare
fotografie per e-commerce – campagne foto e video per i social

Ristorazione

Si sono finalmente delineate le linee guida per riaprire. Sono ovviamente molto stringenti, come previsto, ma difficilmente faranno del tutto abbandonare agli italiani il piacere di una cena fuori.
Sicuramente sarà fondamentale rendere chiaro il modo in cui vengono rispettate le norme di sicurezza e igiene e raccontare la vita normale dell’attività senza drammi e senza scoraggiare la clientela. Il cibo deve rimanere un piacere, non un sacrificio.

Per chi fa anche asporto sarà fondamentale avere una sezione di acquisto o menù virtuale sul sito o sui social, con immagini dei prodotti di alta qualità, che possono andare dal piatto di una trattoria al dolce di una pasticceria.

Cosa si può realizzare
storytelling visuale (vai alla pagina) – fotografie per menù digitali – contenuti foto e video per i social – campagne video

Food & Beverage

I sondaggi parlano di una nuova volontà collettiva dell’80% degli italiani di acquistare prodotti del Belpaese. E dato che il marchio “Made in Italy” porta con sè un immaginario legato a qualità, storia, impegno, certificazioni e territorio, tutto questo va raccontato molto di più e molto meglio di prima. Il cliente sarà ancora più attento nel leggere l’etichetta e sarà ancora più curioso di sapere cosa c’è dietro, chi produce quel bene, in che modo.

Vien da sé che un buon e-commerce diventa imprescindibile, uno shop in cui non mortificare i prodotti con pessime foto, ma al contrario li renda appetibili e parte finale di una vera storia.

Cosa si può realizzare
fotografie per e-commerce – storytelling visuale d’impresa (vai alla pagina) – contenuti foto e video per i social – campagne video

Micro e piccole imprese

Le piccole imprese sono la spina dorsale del nostro sistema produttivo (rappresentano il 99,4% del totale delle unità totali), un valore molto più alto rispetto alla media europea. Eppure sul livello medio di digitalizzazione e comunicazione siamo ancora fortemente in ritardo.

In un mercato ormai completamente nuovo rispetto anche a soli 15 anni anni fa e a maggior ragione in questo momento storico, diventa fondamentale parlare al cliente in maniera impeccabile. Per farlo è necessario diventare un forte brand, un risultato raggiungibile solo con una marcata identità visiva, chiara, riconoscibile. Mostrarsi e raccontarsi oggi come un’azienda solida, trasparente, con dei sani valori e una propria etica, può fare enormemente la differenza.

Cosa si può realizzare
storytelling visuale d’impresa (vai alla pagina)costruzione identità visiva (vai alla pagina) – contenuti foto e video per i social

Strutture ricettive e lidi

Il turismo è sicuramente il settore più colpito ed è tra quelli che maggiormente dovranno adottare misure di adeguamento. Non è però certamente un anno da buttare, anzi: quest’anno può essere l’occasione giusta per iniziare a cambiare stategia comunicativa. Troppo spesso ci si è concentrati sulla fredda vendita del servizio, mentre questa esperienza ci sta aiutando a capire che accogliere un ospite o un turista significa anche non dare per scontate o secondarie alcune esigenze importanti quali pulizia, igiene, comodità, sicurezza, privacy. Ed è facile immaginare che difficilmente ciò che stiamo vivendo ora ci farà tornare indietro, perchè avremo in futuro clienti sempre più esigenti.

Ricordate sempre che l’unica carta che potete giocarvi in rete è l’immagine. Come mi capita spesso di consigliare, se i vostri ospiti vi dicono spesso che la vostra struttura è più bella dal vivo che nelle foto su Booking, state evidentemente facendo degli errori di vendita clamorosi.

Cosa si può realizzare
fotografie delle strutture (vai alla pagina) – contenuti foto e video per i social – campagne video

Enti turistici e territoriali

Si sta parlando moltissimo di turismo di prossimità, cio significa che molti italiani per motivi di sicurezza sanitaria ed economici quest’anno preferiranno visitare mete locali, magari non troppo lontane. Credo che sia la più grande occasione che potesse capitare a tutte quelle realtà che faticano a trovare spazi nelle agende programmate dei turisti e delle agenzie: è il momento eccellente per raccontare il proprio territorio ed arrivare a farsi conoscere meglio anche da cittadini della stessa regione.

L’importante è avere una strategia narrativa chiara con prodotti visivi non amatoriali, che possono spaziare dal classico materiale cartaceo ai tour virtuali in rete, passando per gli spot. È davvero un’occasione unica per tutte quei luoghi incredibili che hanno enorme potenziale e che a partire da quest’anno potrebbero aprire una fase nuova per la storia del loro territorio.

Cosa si può realizzare
storytelling territoriale – contenuti foto e video per i social – campagne video – tutto ciò che può essere utile per la promozione on line e off line

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Articolo precedente
Cassista House, piccolo progetto tra tradizione ed evoluzione

Sono Dino, fotografo.
Dal mio sito dinomaglie.com nasce questa sezione dedicata all’ambito commerciale del mio lavoro: aiuto aziende e professionisti a comunicare con le immagini in maniera efficace, potenziando il brand.

Mi piace scrivere, molto. Ma non mi piace per nulla lo spam, si diventa noiosi. Se vuoi provare la mia newsletter lasciami l’indirizzo, potrai comunque cancellarti quando lo vorrai.

Instagram
LinkedIn
Menu